Ecco una lista di insulti romaneschi, con la relativa traduzione approvata dall'Accademia della Crusca.

Abbiti 'na liana dopo Tarzan:
La tua dimora non Ŕ effettivamente molto pratica da raggiungere
Te sei magnato quarcosa de triste:
Dalla tua flatulenza evinco che il tuo ultimo pasto non Ŕ stato propriamente leggero
Ma che c'hai nelle mutande, 'a pasta d'a pizza?:
Sarebbe arrivato il momento che tu smettessi di toccarti i genitali
C'hai l'occhi che se stanno a tamponÓ:
Sbaglio o soffri di un leggero strabismo?
Nun sei pelato, Ŕ che c'hai la riga larga:
Sei una persona con pochissimi capelli
Sei tarmente brutta che bisogna guardatte co'r decoder:
Non ti si pu˛ esattamente definire bella, tanto che per avere un'immagine decente di te bisogna usare un decoder
So' annato a risorve:
Ho espletato le mie funzioni fisiologiche liquide
Sei tarmente brutta che se t'avvicini ar computer parte l'antivirus:
Sei di una bruttezza inaudita
Nun c'ho tarmente 'na lira che si m˛ro me sotterano co' la capoccia de f˛ri perchÚ nun c'ho li sordi pe' la foto:
Ho talmente pochi soldi che non mi posso permettere neanche una tomba dignitosa
Te faccio clonÓ e poi meno a te e a quell'artro:
User˛ la tecnologia genetica per poterti picchiare maggiormente
L'arivedi quanno er cazzo mette l'unghia:
Non credo che te lo restituir˛
Si te la tiri 'n artro po' la p˛i usÓ come 'na fionna:
Sei una ragazza che sta troppo sulle sue
C'hai er fisico de 'n lanciatore de coriandoli:
Vista l'esiguitÓ della tua massa muscolare, sarebbe opportuno che tu ti dedicassi a qualche attivitÓ fisica di un certo livello
Sei cosý stronzo che se acciacchi 'na merda fai scopa:
Non ti stimo affatto, e ti ritengo uguale a una deiezione
C'hai du' recchie tarmente grosse che se ce capivi de digitale vedevamo Tele+:
Hai due parabole al posto delle orecchie
Ah˛, pare 'no scojo:
Dicesi di una tavolata composta da ragazze molto brutte, che ricordano un gruppo di cozze attaccate allo scoglio
C'hai du' cromosomi 'n testa che giocheno a dama:
Sei davvero molto stupido
C'hai 'na caccola pe' cervello. L'urtima v˛rta che te sei soffiato er naso sei rimasto deficiente:
Non brilli certo in intelligenza
Peccato che cachi, sinn˛ saresti p˛po 'n ber soprammobbile:
Sei completamente inutile
Quanno Ŕ giornata da pijallo 'n culo er vento t'arza 'a camicia:
Quando la tua giornata nasce sotto una cattiva stella Ŕ inutile prendersela
╚sse stupidi Ŕ 'n diritto, ma certo che tu te n'approfitti:
Sei una persona dotata di scarsa intelligenza
Sei tarmente stupido che te pensi ch'er plurale de dito sia mano:
La tua ignoranza Ŕ tale da applicare erroneamente la matematica al corpo umano
Spero che domani matina te sveja San Pietro:
Spero che tu muoia al pi¨ presto
Splendido, 'ngessame er cazzo... che me l'hai rotto!:
Esclamazione rivolta a colui che fa domande insistentemente
Dio nun ha creato gnente de inutile, ma co' te c'Ŕ annato molto vicino:
Non sono ancora riuscito a capire a cosa tu possa servire
╚ 'na fuga de gasse o te puzza l'alito?:
L'odore del tuo alito Ŕ insopportabile
Piji pi¨ pizze te che 'n forno a legna er sabato sera:
Sei molto propenso a prendere gli schiaffi
'Nd˛ sta er cesso, che devo da liberÓ er prigioniero negro?:
Potresti cortesemente indicarmi la toilette, chÚ ho un bisognino da espletare?
A roscio, si te fai 'na riga 'n mezzo pari 'n gettone:
La tua capigliatura fulva, se ben acconciata, potrebbe renderti simile a un vecchio gettone telefonico. Molto di tendenza nel mondo metropolitano giovanile Ŕ l'acconciatura "leccata alla mucca Carolina", con capelli rigorosamente ingelatinati e riga in mezzo
Si 'n'era 'na scoreggia allora sta a cominciÓ Ken il Gueriero:
Avete udito anche voi dei rumori molesti provenienti dal deretano di qualcheduno?
Vatte a ammazzÓ co' 'r gasse: tre-quattro bocchettate e nun ce pensi pi¨:
Ti consiglio di togliere il disturbo al pi¨ presto
Te faccio passÓ 'n mezzo a 'n incrocio de schiaffi che nun sai manco a chi devi da' 'a precedenza:
Ti percuoter˛ pesantemente
I gusti so' gusti, come diceva 'r gatto che se leccava 'r culo:
Rispetto la tua scelta, sebbene mi appaia quanto meno fuori luogo
CÓcate 'n mano e datte 'no schiaffo:
Prima che io ti metta le mani addosso, ti esorto a farlo da solo
Te 'a residenza nun te la danno perchŔ c'hai 'n culo f˛ri dar comune:
Il tuo posteriore non passa di certo inosservato.

torna alla pagina dell'umorismo
torna alla home page di .mau.